• +39 0362.1322358
  • info@poloformativo-legnoarredo.it

I grandi nomi del design celebrano il SaloneSatellite

I grandi nomi del design celebrano il SaloneSatellite

L’8 settembre, nel contesto del Supersalone, si è tenuto presso il Polo Formativo LegnoArredo l’evento dedicato alla Collezione Permanente del SaloneSatellite, ospitata nella scuola. Alla presenza di Marva Griffin, fondatrice del SaloneSatellite, Giulio Cappellini, uno dei più noti produttori e talent scout, ha dialogato con tre importanti e pluripremiati designer che hanno iniziato la loro carriera grazie alla partecipazione al SaloneSatellite e che oggi sono noti in tutto il mondo. Si tratta di Sebastian Herkner, Lorenzo Damiani e Satyendra Pakhalé.

Cappellini ha introdotto l’incontro sottolineando il valore delle imprese italiane, che hanno saputo e sanno dialogare con i designer di tutto il mondo per creare nuovi prodotti, perché “fare buon design non vuol dire solo ideare dei buoni progetti, ma saperli anche realizzare”, e questa è la caratteristica delle aziende della Penisola.

Ha chiesto quindi agli ospiti di raccontare i loro inizi al SaloneSatellite, l’evento del Salone del Mobile di Milano dedicato ai giovani designer. Per tutti e tre i designer si è trattato del momento in cui hanno avuto l’occasione unica di presentare alle aziende i loro progetti e dare il via in tal modo alle rispettive carriere nel campo del design. Ha spiegato infatti Lorenzo Damiani: “Potevi incontrare in unico luogo tutti gli imprenditori interessati ai progetti dei giovani: noi dunque giocavamo la nostra grande occasione, ed era anche un momento di confronto molto interessante. Ricordo infatti che passò anche Achille Castiglioni: era curiosissimo, faceva molte domande”. Sebastian Herkner ha definito il SaloneSatellite come un importantissimo trampolino di lancio per i giovani designer.

Cappellini ha domandato poi un giudizio sulle aziende italiane dell’arredo. L’opinione unanime degli illustri ospiti è stata che le nostre imprese vantano una produzione di altissima qualità, che fa la differenza rispetto ad altri Paesi: in esse i designer trovano un “terreno fertile”, fatto di passione, professionalità e la volontà di assumersi dei rischi investendo su nuove idee per trasformarle in prodotti.

Al termine dell’incontro Luigi Mettica, coordinatore del Polo Formativo LegnoArredo, ha presentato al pubblico la mostra che il Polo espone presso il Supersalone,: “la vocazione del Polo è formare persone capaci di produrre le idee dei designer. Grazie alla collaborazione con la Scuola del Design del Politecnico di Milano mettiamo insieme giovani designer e futuri tecnici in modo che imparino a dialogare, a costruire un linguaggio comune per trasformare i progetti in realtà. Si tratta di un lavoro entusiasmante, che i ragazzi svolgono con passione anche al di fuori dell’orario scolastico, arrivando così a esprimere se stessi e contribuire alla costruzione del nostro mondo”.

È possibile rivedere l’incontro sulla pagina Facebook del Polo Formativo LegnoArredo.