• +39 0362.1570156
  • info@poloformativo-legnoarredo.it

Il Polo Formativo sposa il design sociale nella mostra “Stanze sospese”

Il Polo Formativo sposa il design sociale nella mostra “Stanze sospese”

Il Polo Formativo Legno Arredo collabora alla mostra di design sociale “Stanze sospese”, che ha come obiettivo quello di “trasformare spazi di isolamento in teatri di dignità. Una reale possibilità per tutti i luoghi in cui ci si può trovare contro la propria volontà”. L’attività rientra nel progetto di design sociale “FurnitureforAll!”, che vede uniti la Fondazione Allianz UMANA MENTE e un gruppo di architetti e designer milanesi “per ripensare le condizioni abitative nelle carceri e fornire delle possibili soluzioni innovative”. 

Il Polo Formativo Legno Arredo, nato per volontà di FederlegnoArredo, ha fornito il suo contributo realizzando, con plastica riciclata, i prototipi arredativi di queste stanze, definite “sospese” per evocare luoghi “dove la vita è apparentemente congelata in attesa di una seconda possibilità e di un riscatto sociale”. In merito alla collaborazione Emanuele Orsini, presidente di FederlegnoArredo, ha affermato: “Questo progetto ci rende orgogliosi perché aggiunge un tassello significativo all’intensa attività sociale che la federazione porta avanti da tempo. Si tratta di un processo di sistema che ha messo a confronto le linee teoriche dei giovani designer con i processi produttivi, in una contaminazione fra saperi, creatività e volontà di inclusione sociale”.

Il risultato del lavoro sarà protagonista di un’esposizione durante la Design Week di Milano, dal 17 al 22 aprile, nel contesto del Fuori Salone, presso la Società di Incoraggiamento d’Arti e Mestieri (SIAM) in via Santa Marta 18. I visitatori saranno accompagnati a conoscere, attraverso un percorso didattico, due stanze di detenzione e recupero prima e dopo l’allestimento nato dal progetto. Al termine del Salone del Mobile gli arredi prototipati saranno montati in due case di reclusione, testati e modificati con l’obiettivo di arrivare a una produzione in serie.